Esplora il sito
Home
Links
La nostra struttura
I nostri servizi
Le sedi provinciali
Le associazioni di mestiere
Riservato utenti registrati
Riservato agli operatori CNA
 

 

AUTOTRASPORTO: NUOVO MODULO DI CONTROLLO ASSENZE CONDUCENTE
ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 20 GENNAIO 2010

Il Ministero degli Interni e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, hanno fornito con nota congiunta del 20 gennaio 2010 (scaricabile in calce alla pagina), specifiche indicazioni in merito alla compilazione del nuovo modulo di controllo delle assenze dei conducenti approvato dalla Commissione Europea il 14 dicembre 2009.

Si evidenza che la nota ministeriale, nel confermare l'obbligo di utilizzo del nuovo modulo, non contiene indicazioni utili a semplificare il compito delle imprese di autorasporto, le quali, a causa dell'aggiunta delle nuove casistiche che vanno registrate, saranno chiamate alla predisposizione dei moduli con maggiore frequenza rispetto a quanto accadeva con il vecchio modello.


Di seguito si fornisce un quadro riepilogativo delle modalità di compilazione del modulo alla luce delle novità introdotte e delle indicazioni ministeriali.

1) AMBITO DI APPLICAZIONE
L’obbligo di compilazione del modulo si applica agli autotrasportatori che effettuano trasporto su strada:
a) di merci, effettuato da veicoli di massa massima ammissibile, compresi eventuali rimorchi o semirimorchi, superiore a 3,5 tonnellate;
b) di passeggeri effettuato da veicoli che, in base al loro tipo di costruzione e alla loro attrezzatura, sono atti a trasportare più di nove persone compreso il conducente e destinati a tal fine.
In mancanza di specifiche indicazioni, si ritiene che l'obbligo riguardi anche i conducenti che operano per imprese che effettuano trasporti in c/proprio.

1.1) Esclusioni
Sono esclusi i trasporti stradali effettuati a mezzo di:
a) veicoli adibiti al trasporto di passeggeri in servizio regolare di linea, il cui percorso non supera i 50 chilometri;
b) veicoli la cui velocità massima autorizzata non supera i 40 chilometri orari;
c) veicoli di proprietà delle forze armate, della protezione civile, dei vigili del fuoco e delle forze responsabili del mantenimento dell'ordine pubblico o da questi noleggiati senza conducente, nel caso in cui il trasporto venga effettuato nell'ambito delle funzioni proprie di questi servizi e sotto la loro responsabilità;
d) veicoli, compresi quelli usati per operazioni di trasporto non commerciale di aiuto umanitario, utilizzati in situazioni di emergenza o in operazioni di salvataggio;
e) veicoli speciali adibiti ad usi medici;
f) carri attrezzi specializzati che operano entro un raggio di 100 km dalla propria base operativa;
g) veicoli sottoposti a prove su strada a fini di miglioramento tecnico, riparazione o manutenzione, e veicoli nuovi o trasformati non ancora messi in circolazione;
h) veicoli o combinazioni di veicoli, di massa massima ammissibile non superiore a 7,5 tonnellate, adibiti al trasporto non commerciale di merci;
i) veicoli commerciali che rientrano nella categoria dei veicoli storici a norma della legislazione dello Stato membro nel quale circolano e sono utilizzati per il trasporto non commerciale di passeggeri o di merci.

1.2) Veicoli senza cronotachigrafo
I veicoli utilizzati per i trasporti su strata di seguito elencati sono esentati dalla tenuta del cronotachigrafo. Si può pertanto asserire che gli stessi siano esentati anche dall'obbligo di tenuta del modulo delle assenze in quanto finalizzato a completare il monitoraggio delle attività svolte dai conducenti oltre a quanto già rilevato dal cronotacchigrafo:
- veicoli o una combinazione di veicoli di massa massima autorizzata non superiore a 7,5 tonnellate, impiegati dai fornitori di servizi universali di cui all'articolo 2, paragrafo 13, della direttiva 97/67/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 dicembre 1997, concernente regole comuni per lo sviluppo del mercato interno dei servizi postali comunitari e il miglioramento della qualità del servizio per la consegna di spedizioni nell'ambito del servizio universale;
- veicoli impiegati nell'ambito di servizi fognari, di protezione contro le inondazioni, di manutenzione della rete idrica, elettrica e del gas, di manutenzione e controllo della rete stradale, di nettezza urbana, dei telegrafi, dei telefoni, della radiodiffusione, della televisione e della rilevazione di emittenti e riceventi di televisione o radio;
- veicoli speciali che trasportano materiale per circhi o parchi di divertimenti;
- veicoli impiegati per la raccolta del latte nelle fattorie e la restituzione alle medesime dei contenitori di latte o di prodotti lattieri destinati all'alimentazione animale;
- veicoli adibiti a scuola guida per l'ottenimento della patente di guida o dell'attestato di idoneità professionale e per il relativo esame, purché non utilizzati per il trasporto di persone o di merci a fini di lucro.

1.3) Esenzioni
La compilazione del modulo è facoltativa in riferimento ad eventi in cui il rapporto di lavoro del conducente resta sospeso ovvero interrotto quali, ad esempio, la cassa integrazione, lo sciopero o la serrata. L’esenzione vale tuttavia esclusivamente per le operazioni di autotrasporto condotte in ambito nazionale.
In tali ipotesi, il conducente dovrà tenere a bordo del veicolo, per essere esibita ad ogni controllo, la prova documentale di tali circostanze: comunicazione del datore di lavoro relativa al periodo di interruzione o di cassa integrazione, ovvero la corrispondente documentazione rilasciata da enti previdenziali.

2) OBBLIGHI DI REGISTRAZIONE
Nel modulo vanno registrati esclusivamente i periodi:
- di assenza per malattia o ferie annuali;
- di guida di un veicolo escluso dal campo di applicazione del regolamento n. 561/2006, come da elencazione del punto precedente;
- in cui il conducente era assente perché in congedo o in recupero. I casi in cui il rapporto di lavoro del conducente resta sospeso ovvero interrotto quali, ad esempio, la cassa integrazione, lo sciopero o la serrata, vanno registrati come periodi di congedo o recupero;
- in cui il conducente eseguiva un altro lavoro diverso dalla guida;
- in cui il conducente era disponibile, cioè in attesa di essere chiamato a condurre un veicolo.

3) PERIODO DI OSSERVAZIONE
Nel registro vanno considerati i predetti eventi che si verificano nella giornata in corso e nei ventotto giorni precedenti.

3.1) Registrazione di più assenze nel periodo di 28 giorni
Il modulo è impostato per contenere un unico periodo di assenza. Pertanto, nel caso in cui per lo stesso conducente si verificano più eventi che vanno registrati sul modulo, occorrerà compilare un modulo per ogni evento.

I moduli andranno ovviamente compilati al termine dei periodi in cui i predetti eventi si sono verificati e consegnati al conducente alla ripresa dell'attività ovvero al ritorno alla guida di veicoli soggetti all'obbligo di tenuta. I moduli andranno poi portati con sè dal conducente per i 28 giorni successivi; fino a quando cioè il lasso di tempo interessato ad ogni singolo evento registrato non sarà completamente uscito dal periodo di 28 giorni che va monitorato.

- Esempio:
1° interruzione
Conducente in malattia dal 25 al 31 gennaio 2010. Ripresa del lavoro lunedì 1° febbraio 2010.
Il modulo dovrà essere tenuto dal conducente fino al 28 febbraio 2010. Dal 1° marzo il modulo potrà essere consegnato al datore di lavoro che lo dovrà conservare fino al 28 febbraio 2011.

2° interruzione
Nei giorni 4 e 5 febbraio 2010 lo stesso conducente viene trattenuto presso la sede dell’impresa per effettuare alcuni interventi di manutenzione ai mezzi aziendali: il modulo dovrà essere tenuto dal conducente fino al 5 marzo 2010. Dal 6 marzo 2010 il modulo potrà essere consegnato al datore di lavoro che lo dovrà conservare fino al 5 marzo 2011.

Il conducente dovrà pertanto munirsi dei seguenti moduli durante la guida:
- dal 1° al 3 febbraio 2010, modulo per la malattia;
- dal 6 al 28 febbraio 2010, entrambi i moduli per malattia e per attività diverse dalla guida;
- dal 1° al 5 marzo 2010 solo il modulo per attività diverse dalla guida.


4) IL MODULO
Il modulo deve essere portato con sé dal conducente ed essere esibito ad ogni richiesta degli organi di controllo e va conservato dall'impresa di trasporto per un anno dalla scadenza del periodo cui si riferisce.
È valido solo l’originale firmato. Una copia del modulo inviata via fax può essere accettata solo in circostanze eccezionali.
L'obbligo di tenuta vige anche per i conducenti titolari di impresa che devono provvedere alla corretta compilazione del modulo e firmare sia in qualità di conducente che di titolare.

4.1) Modalità di compilazione e gestione
Tutti i campi del modulo devono essere compilati a macchina o con altri sistemi informatizzati ed essere stampabili.
Per essere valido, il modulo deve essere firmato sia dal rappresentante dell’impresa che dal conducente prima del viaggio.
Per gli autotrasportatori autonomi, il conducente firma il modulo una prima volta in qualità di rappresentante dell’impresa e una seconda volta in qualità di conducente.
È valido solo l’originale firmato.
Il testo del modulo non può essere modificato.
Il modulo non può essere prefirmato né può essere modificato mediante dichiarazioni manoscritte.
Il modulo può essere stampato su carta recante il logo aziendale e gli estremi di contatto dell’impresa, ma i campi riguardanti le informazioni sull’impresa devono essere in ogni caso completati.
Se un conducente non è alla guida dopo aver iniziato il viaggio, per esempio a causa di una malattia o di un guasto del veicolo, il modulo non può essere utilizzato e le autorità di controllo possono chiedere ulteriori prove che dimostrino l’inattività.
L’attestazione riguarda solo i tipi di attività contemplati dalla stessa. Il modulo non può essere utilizzato per altre attività.

4.2) Cambio di veicolo da parte dello stesso conducente
Il modulo non richiede l'indicazione della targa del mezzo di cui il conducente è alla guida nè ulteriori dati che possano far ritenere che lo stesso sia direttamente collegato al mezzo utilizzato.
Si può pertanto ritenere che lo stesso debba accompagnare il lavoratore per il periodo di 28 giorni che va monitorato, indipendentemente dal mezzo guidato dallo stesso in tale lasso di tempo. Ovviamente il modulo non va portato con sè nei periodi di guida di veicoli non soggetti all'obbligo di tenuta dello stesso (cioè di veicoli non tenuti al rispetto del regolamento 561/06).

5) SANZIONI
In caso di inadempienze sono applicabili le seguente sanzioni:
- Disposizioni del codice della strada: sanzioni inerenti la durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone e cose, i documenti di viaggio per trasporti professionali con veicoli non muniti di cronotachigrafo ovvero muniti di cronotachigrafo e i limiti di velocità;
- Conducente: il conducente che non ha con se' ovvero che tiene in modo incompleto o alterato il modulo e' soggetto alla sanzione amministrativa da Euro 143,00 a Euro 570,00. Si applica la riduzione al minimo di euro 143 in caso di versamento entro 60 giorni dalla contestazione;
- Impresa: stessa sanzione del conducente, se non conserva il modulo per un anno dalla scadenza del periodo cui si riferisce.

SCARICA IL NUOVO MODELLO DI CONTROLLO ASSENZE CONDUCENTI
SCARICA LE ISTRUZIONI MINISTERIALI DEL 20 GENNAIO 2010

Per maggiori informazioni e' possibile rivolgersi presso gli uffici della CNA di Pescara, telefono 085.4315200.

Torna alle ultime news